Blockchain e ambiente, casi d’uso

Introduzione

La tecnologia blockchain è spesso oggetto di critiche perchè ritenuta poco sostenibile e dannosa per l’ambiente a causa del consumo energetico. Sappiamo che questo problema si presenta solo nel caso in cui la blockchain utilizzata non faccia uso di energie rinnovabili o di tecnologia PoS.

La blockchain può però anche contribuire ad affrontare le sfide ambientali che includono il cambiamento climatico, la perdita di integrità della biosfera, la scarsità d’acqua e molto altro ancora. Ecco i principali casi d’uso.

La certificazione di crediti ambientali

Il mercato globale dei carbon credit ha superato un volume di scambio di 144 miliardi di euro l’anno scorso. Inoltre, il numero di crediti offsets venduti continua a crescere ad un ritmo esponenziale.

Un’azienda che opera in questo settore è Global Carbon Holding che utilizza la tecnologia blockchain per tokenizzare gli asset dei crediti di carbonio e supportare un mercato globale e trasparente per acquistare compensazioni di carbonio certificate. L’azienda detiene crediti di carbonio certificati che sono registrati presso enti riconosciuti a livello internazionale e garantiti dai singoli token generati dalla blockchain.

Nello stesso ambito opera anche ClimateTrade, una società spagnola la cui mission è aiutare le aziende a raggiungere i loro obiettivi di sostenibilità. Supporta le aziende nella compensazione di emissioni di CO2 e finanziando progetti di cambiamento climatico. ClimateTrade ha ottimizzato l’efficienza per le aziende per raggiungere la neutralità del carbonio. Infatti, sta attualmente lavorando con più di 20 aziende internazionali con più di 150 progetti. Fra queste grandi aziende come Iberia, Melià Hotels, Cabify e Telefónica.

Protezione ambientale senza scopo di lucro

Sempre più spesso vi sono iniziative no-profit per progetti legati alla tutela dell’ambiente.

In questo ambito si raccolgono fondi da donatori per finanziare i progetti. Grazie alla sua caratteristica di essere un registro sicuro ed immutabile, Blockchain può fornire trasparenza ai donatori. Ciò significa che riduce i rischi di falsi enti di beneficenza, si hanno maggiori garanzie sul volume dei fondi raccolti e sul loro impiego.

Con l’aiuto di questa tecnologia, i donatori possono quindi verificare con precisione dove i loro fondi finiranno.

Ci sono varie aziende che operano in questo ambito come, per esempio, GiveTrack, che offre un reporting trasparente e in tempo reale sui numeri e gli obiettivi della raccolta fondi. Più in generale, l’azienda ha come missione quella di sfruttare la tecnologia blockchain per rivoluzionare la beneficenza.

Tracciamento e riduzione dei rifiuti

Blockchain permette di tracciare in tempo reale la raccolta e la gestione dei rifiuti. Aiuta quindi a tracciare la quantità di rifiuti raccolti, chi li ha raccolti e dove vengono riciclati o smaltiti.

Inoltre, l’incentivazione di abitudini migliori attraverso l’emissione di criptomonete ha dimostrato di essere un metodo efficace per produrre comportamenti più responsabili. Le Blockchain possono anche essere un valido sistema per tracciare le abitudini di smaltimento dei rifiuti di individui e aziende. Inoltre, può anche servire ad identificare dove sono necessari ulteriori miglioramenti.

Un settore specifico di applicazione è quello dei rifiuti alimentari. Un terzo di tutto il cibo prodotto finisce nella spazzatura. La necessità di ridurre lo spreco è dunque sempre più impellente. Una supply chain alimentare basata su blockchain consente la piena trasparenza della catena alimentare. Consente anche di ottimizzare le reti di partner contribuendo a ridurre gli sprechi.

Ricompense per il riciclo dei rifiuti

Tra i vari tipi di rifiuti, la plastica è una delle principali cause del degrado dell’ambiente. Si stima che entro il 2100 i rifiuti globali aumenteranno di 4 milioni di tonnellate. I corpi idrici della terra sono già gravemente contaminati. Esistono vari progetti per dare un valore tangibile ai partecipanti tramite criptomonete. Le criptomonete sono offerte a coloro che riciclano, fornendo così prezzi migliori e riducendo le tasse.

Un sistema unico che all’atto della registrazione del riciclaggio eroghi contestualmente la ricompensa è molto efficace.

Tali programmi sono vantaggiosi, soprattutto nei paesi in via di sviluppo, per offrire un valido incentivo a riciclare i rifiuti attraverso un mezzo che genera reddito affidabile e facilmente accessibile.

Applicazione dei trattati ambientali

Secondo le statistiche dell’International Environmental Agreements (IEA), ci sono 2.294 accordi ambientali bilaterali, 1.311 accordi ambientali multilaterali e 250 altri tipi di accordi ambientali. C’è molta preoccupazione che questi accordi restino solo sulla carta e non vengano quindi realizzati.

Si può utilizzare la blockchain anche come strumento per registrare i progressi dei trattati riguardanti le nazioni partecipanti. Una blockchain immutabile e interoperabile garantisce certezza dei dati e un’ampia possibilità di supervisione. Le Nazioni Unite stanno gestendo vari progetti blockchain per migliorare l’aderenza agli accordi che vengono implementati attraverso smart contract.

Monitoraggio ambientale

Il CERN, il più grande laboratorio di fisica fondamentale del mondo, è impegnato in uno sforzo continuo per migliorare il monitoraggio globale della qualità dell’aria e contribuire così a risolvere la sfida della salute pubblica dell’inquinamento atmosferico che colpisce milioni di persone. L’azienda PlanetWatch, spin-off del CERN, ha sviluppato e distribuito una rete globale di sensori di qualità dell’aria a basso costo con l’obiettivo di validare, filtrare e visualizzare i dati su Internet e attraverso un’applicazione mobile in tempo reale. La rete di monitoraggio sta fornendo dati in tempo reale. È quindi il primo libro mastro immutabile globale per i dati storici sulla qualità dell’aria.

Conclusioni

I campi di applicazione della blockchain sono ormai innumerevoli, anche nel settore ambientale vi sono molte aziende attive con diversi tipi di applicazioni.

Numerosissimi sono i progetti attivi: le soluzioni fanno uso della capacità di memorizzare dati in modo sicuro ed immutabile e di consentire quindi un tracciamento affidabile.